Lega pro, Alessandria ed Avellino vedono più vicina la finale

foto di copertina da grigionline.com

Senza sorprese il primo round delle semifinali di Lega Pro con l’Alessandria vittoriosa a Gorgonzola per 2-1 contro l’Albinoleffe e con un pari per 1-1 tra Padova ed Avellino in terra veneta. La prima non è stata un partita avvincente, anzi tutt’altro, forse anche per le importanti assenze che annoverava l’Albinoleffe nelle proprie fila. Soprattutto in avanti è mancata la spalla a Sacha Cori ovvero Manconi squalificato.

L’Alessandria, imbottita di grandi nomi è andata in gol con Arrighini e raddoppiato con Giorno. Sul 2-0 è venuta fuori la grinta della squadra di Zafferoni che ha accorciato le distanze dando interesse al match di ritorno con Giorgione, uno dei migliori.

Padova-Avellino, invece, è stato un match spigoloso con ben 8 ammoniti e soprattutto nel primo tempo la squadra di Braglia ha fatto valere la sua fisicità  risultando agonisticamente valida ed aggressiva. In vantaggio il Padova con un gol di testa di Kresic, ma nella ripresa, proprio in apertura, calcio di rigore per gli irpini battuto da Maniero e parato da Dini ma sulla ribattuta l’ex rossoverde siglava il gol del pari.

Nel Padova quando Mandorlini ha tolto dal campo Ronaldo e Chiricò si è spenta la luce anche se all’ultimo minuto ha avuto una grossa opportunità non sfruttata a dovere da Curcio. C’è da sottolineare, poi, che questa partita è stata la sagra dei gomiti alti e sinceramente di queste scorrettezze ne abbiamo piene le tasche e ci vorrebbe più severità e da parte dell’arbitro e da parte del giudice sportivo. Tutto è rimandato, quindi, a mercoledì prossimo per conoscere il nome delle due finaliste anche se Alessandria ed Avellino sembrano essere le più indiziate

Lascia un commento