Le ultime su Ternana-Benevento

QUI TERNANA. Dopo uno stop di 20 giorni (tra Covid19 e lesione al muscolo semitendinoso accusata contro il Cittadella) torna a disposizione Defendi. Tuttavia l’ex barese non è al top come Falletti (rimasto in tribuna sabato scorso allo stadio “Stirpe” per i postumi della forte contusione al costato rimediata contro il Crotone) e proprio come lui appare inizialmente destinato alla panchina. Restano fuori dall’elenco dei 26 convocati Agazzi (alle prese con l’affaticamento muscolare alla coscia sinistra subìto in allenamento una settimana fa) e Palumbo (in attesa di negativizzazione dopo la positività al test Covid19 emersa lo scorso 23 novembre) mentre Nesta (quasi pronto dopo un lungo infortunio) viene aggregato alla Primavera. Di contro rientra Proietti (reduce dal turno di squalifica scontato contro il Frosinone). Sulla trequarti si profilano ballottaggi tra Partipilo (favorito sebbene diffidato) e Peralta, tra Pettinari (in vantaggio) e lo stesso Peralta e tra Furlan e Capone (che se la giocano alla pari). Interrogativi anche nei ruoli di terzini, sulla destra tra Diakité e Ghiringhelli e sulla sinistra tra Martella (recuperato dopo la lieve indisposizione accusata a metà settimana) e Celli, ma il franco-maliano e l’ex bresciano sembrano nettamente favoriti. Per il resto Donnarumma in avanti, il sovra-citato Proietti e Koutsoupias in mediana e Sorensen e Capuano marcatori centrali. Verso la tribuna i portieri Vitali e Casadei e il centrocampista Mazza.

QUI BENEVENTO. Il colombiano Tello Munoz (squalificato per somma di ammonizioni) si aggiunge nell’elenco degli indisponibili a Letizia e al belga Foulon (entrambi infortunati). Il primo è un rincalzo di lusso (o meglio un co-titolare) del reparto centrale mentre gli altri sono i terzini titolari. Resta a casa anche il terzo portiere Muraca, sostituito nell’elenco dei 23 convocati da Tartaro (estremo difensore titolare della Primavera giallorossa). Conferma assai probabile per la formazione di partenza rispetto alla vittoriosa gara casalinga di domenica scorsa contro il Pordenone. Pertanto (modulo 4-3-3) Paleari tra i pali, Elia, Vogliacco, Barba e Masciangelo in difesa, il moldavo Ionita, Viviani e Acampora a centrocampo e Roberto Insigne, Lapadula e Improta in attacco, anche se Di Serio propone la propria candidatura dal primo minuto.

Lascia un commento