Ternana-Cittadella, le pagelle

ANNARILLI 5,5 In avvio di ripresa nega il raddoppio al Cittadella con una bella parata in tuffo sulla propria destra su conclusione ravvicinata di Antonucci. Di contro ha qualche responsabilità sul sinistro di Vita col quale gli avversari passano in vantaggio alla metà del primo tempo (tiro lento e non troppo angolato). Inoltre intorno al sessantesimo minuto non intercetta il cross basso di Daniele Donnarumma sul quale si producono in un simultaneo salvataggio nei pressi della linea Martella e Furlan. Sfiora ma non raggiunge la sufficienza. 
GHIRINGHELLI 5 Decisamente sotto tono contro la squadra con cui nel triennio precedente approda sempre ai play off. Un bel cross e una tempestiva diagonale rappresentano le uniche note positive nel contesto di una prestazione davvero mediocre, caratterizzata da banali e reiterati errori nei passaggi e da una mancata chiusura sul lato corto dell’area (senza alcun esito il traversone successivo, potenzialmente pericoloso).12’ s.t. defendi 7 scintillante nei 25 minuti disputati, nei quali cambia volto al match con continue (e proficue) incursioni sulla destra, una delle quali sfocia nel perfetto cross per il colpo di testa vincente di Partipilo che regala il pareggio alle Fere.37’ s.t. diakité 6 subentra col piglio giusto, abbinando capacità di corsa e sana intraprendenza. 
BOBEN 5,5 Morbida contrapposizione a Vita sul gol del momentaneo svantaggio (si volta al momento del tiro) e improvvido passaggio centrale in avvio di gara che favorisce la conclusione dal limite (di poco alta) dello stesso Vita. Per il resto tiene botta, ma quelle indecisioni pesano inevitabilmente su voto e giudizio. Ammonito, rischia il doppio giallo nei minuti di recupero. 
SORENSEN 6 Come di consueto essenziale (eufemismo) nel giro-palla, come di consueto efficace in marcatura e in elevazione. Insomma, soliti pregi (senso della posizione e gioco aereo) e soliti limiti (tecnici) ma questa volta un’ammonizione evitabile (che ne determina la squalifica) e un errato retropassaggio nel finale gli costano mezzo punto.

MARTELLA 6 Condivide con Furlan il salvataggio a pochi centimetri dalla linea che impedisce il raddoppio del Cittadella al quarto d’ora del secondo tempo. Per il resto sfodera una prova appena sufficiente, con un solo traversone insidioso. Grande attenzione difensiva, scarsa spinta propulsiva.

PROIETTI 6,5 In grande difficoltà (come tutta la squadra) per un’ora. In crescita verticale (come quasi tutta la squadra) nei 35 minuti finali (compresi quelli di recupero). Fatica molto fino al primo doppio cambio (Defendi e Capone per Ghiringhelli e Furlan) correndo e rincorrendo con la solita generosità ma senza trovare il bandolo della matassa in fase di impostazione. Un altro giocatore nell’ultimo terzo di gara, nel quale “tampona” e riparte producendosi anche in qualche pregevole cambio di gioco.

PALUMBO 6,5 Mezzo voto in meno per il gol fallito nel finale (a pochi passi da Kastrati e col pallone sul sinistro sceglie il pallonetto anziché un secco diagonale). Per il resto (come sempre) tra i migliori, anche se per quasi un’ora sembra predicare nel deserto. Forse per il pressing forsennato dei centrocampisti avversari, forse per le scarse iniziative dei compagni di squadra sugli esterni, probabilmente per entrambe le motivazioni. In ogni caso entra da protagonista (con Falletti) nella palla-gol sventata dal portiere del Cittadella subito dopo il pareggio di Partipilo (fortuita respinta col volto su tap-in dello stesso Partipilo).

PARTIPILO 7,5 Mezzo voto in meno per un primo tempo decisamente sotto tono e per il gol del raddoppio fallito (conclusione ravvicinata su cross di Palumbo indirizzata… sul viso del portiere granata). Eppure è nettamente il migliore in campo sulla sponda rossoverde poiché dopo l’ingresso in campo di Defendi diventa devastante, mandando in tilt Daniele Donnarumma e l’intera retroguardia avversaria, realizzando uno splendido gol di testa (su cross col conta-giri del sovra-citato Defendi) e impegnando Kastrati in una difficile parata in tuffo. Quello ammirato nella mezz’ora finale è un esterno offensivo da serie A.

FALLETTI 6,5 Voto e giudizio analoghi a quelli di Palumbo. Nell’ultimo terzo di gara mette a soqquadro il pacchetto arretrato granata con alcune iniziative geniali e con un paio di passaggi smarcanti per Palumbo. Giocate di livello eccelso precedute però da un’ora sotto tono, anche se con la squadra in costante affanno in mezzo al campo il suo compito diventa complicatissimo. Le sue “fiammate” sono comunque di inestimabile qualità.  

FURLAN 6 Un tiro a lato prima dell’intervallo e qualche sgroppata improduttiva sulla sinistra. Raggiunge una striminzita sufficienza soltanto grazie al salvataggio nei pressi sulla linea (in tandem con Martella) col quale nega il raddoppio alla compagine veneta intorno al quindicesimo minuto del secondo tempo. Salvataggio provvidenziale poiché consente alle Fere dapprima di restare in partita, poi di acciuffare il pareggio con Partipilo e infine di sfiorare il successo in rimonta. Impressioni simili, in positivo e in negativo, a quelle emerse nelle gare precedenti, ossia evidente difficoltà nel saltare l’uomo ma grande tasso dinamico ed enorme intelligenza tattica.12’ s.t. capone 6 eredita posizione e compiti di Furlan, appare più propositivo del compagno ma al contempo risulta scarsamente incisivo, pur alimentando qualche interessante iniziativa sulla sinistra.

DONNARUMMA 5,5 Inesorabilmente chiuso nella morsa di Adorni e Perticone e scarsamente assistito dai compagni. Nessun pallone giocabile, nessuno spunto in area, nessun tiro in porta, tanto movimento e qualche apertura laterale ma palese difficoltà nel fare salire la squadra.26’ s.t. pettinari 6 sbaglia un movimento su un tiro-cross di Partipilo, restando alle spalle del difensore avversario anziché “tagliare” (come dovrebbe) sul primo palo, ma per il resto si muove discretamente, procurandosi un paio di punizioni (con altrettante ammonizioni per i centrali del Cittadella) e dando profondità (vedi dichiarazioni a fine gara di mister Gorini) alla manovra.

Lascia un commento