COPPARI: “SENZA LAVORO, COSTANZA ED IMPEGNO OGNI TRAGUARDO É IRRAGIUNGIBILE. DEDICO QUESTO SCUDETTO ALLA MIA FAMIGLIA”

Ludovica Coppari dopo i due scudetti in maglia rossoverde ed uno con l’ASD Futsal Salinis centra il poker vincendo il suo quarto tricolore con il Montesilvano.

Riguardando il tuo album dei ricordi da piccola, avresti mai pensato di raggiungere questi obiettivi?

Sinceramente no, però mi piace competere e lavorare duro, mettendomi sempre in discussione e ponendomi degli obiettivi diversi ogni anno e quindi non posso che essere soddisfatta e contenta di averli raggiunti”.

Vincere 4 scudetti non è da tutti. Secondo te, cosa fa la differenza tra un’atleta che riesce a raggiungere i traguardi prefissati, non per forza legati ad un trofeo, e tra un’atleta che non ci riesce?

La differenza la fa il lavoro, la costanza e l’impegno, senza di loro ogni traguardo prefissato non potrebbe essere raggiunto “.

Sicuramente ogni scudetto lascia un ricordo speciale. Cosa ti porterai dietro negli anni ripensando a questa annata?

“Tanti ricordi belli. Sicuramente l’ultima gara rimarrà nel mio cuore. Le emozioni che ho provato sono indescrivibili ed uniche”.

Che consigli daresti ad una ragazza che vuole intraprendere un percorso nel mondo dello sport?

“ Consiglio di non mollare mai davanti a nessun ostacolo, di continuare sempre a credere nei propri sogni rimanendo umili e con voglia di imparare e crescere, di non accontentarsi mai e di pretendere sempre il meglio. Lo sport è una salvezza “.

Nel tuo percorso sportivo, che ruolo ha avuto la tua famiglia?

“ Ha avuto un ruolo fondamentale, sono i miei primi tifosi in ogni mia squadra in cui ho giocato e sostenendomi in ogni mia scelta “.

A chi dedichi questo tuo quarto scudetto?

Come ogni anno lo dedico alla mia famiglia che come ho già detto mi segue sempre, non facendomi mai mancare appoggio e sostegno “.

La giocatrice, classe ’98, porta per la quarta volta, i colori di Terni, anche con squadre diverse, sul tetto d’Italia. Non c’è tempo di riposarsi perché c’è l’azzurro che chiama. Complimenti!

Ludovica. Coppari con la maglia azzurra

Lascia un commento